Gruppi di lettura 2018/2019

La letteratura delle migrazioni: Circolo di lettura 2018/2019 presso la Biblioteca Planettiana di Jesi. Martedì 23 Alessandro Seri ha presentato il programma del quarto anno del circolo di lettura e ha illustrato i libri proposti; anche quest’anno l’attività si svolge in parallelo agli incontri di altri circoli della zona di Macerata, con un coinvolgimento complessivo di circa 150 lettori.  Per quanto riguarda Jesi la data del primo incontro, con il libro EXIT WEST, è Mercoledì 21 novembre.  Le date dei successivi incontri mensili saranno concordate in seguito.

EXIT WEST di Moshin Hamid – Einaudi 2017 p.160
Saeed è timido e un po’ goffo: così, per quanto sia attratto dalla sensuale e indipendente Nadia, ci metterà qualche giorno per trovare il coraggio di rivolgerle la parola. Ma la guerra che sta distruggendo la loro città, strada dopo strada, accelera il loro cauto avvicinarsi e, all’infiammarsi degli scontri, Nadia e Saeed si scopriranno innamorati. Quando tra posti di blocco, rastrellamenti, sparatorie, la morte appare l’unico orizzonte possibile, inizia a girare una strana voce: esistono delle porte misteriose che se attraversate, pagando e a rischio della vita, trasportano istantaneamente da un’altra parte. Inizia così il viaggio di Nadia e Saeed, il loro tentativo di sopravvivere in un mondo che li vuole morti, di restare umani in un tempo che li vuole ridurre a problema da risolvere, di restare uniti quando ogni cosa viene strappata via. Con la stessa naturalezza dello zoom di una mappa computerizzata, Mohsin Hamid sa farci vedere il quadro globale dei cambiamenti planetari che stiamo vivendo e allo stesso tempo stringere sul dettaglio sfuggente e delicato delle vite degli uomini per raccontare la fragile tenerezza di un amore giovane.

NON DIRMI CHE HAI PAURA di Giuseppe Catozzella – Feltrinelli 2015 p. 240
Samia è una ragazzina di Mogadiscio. Ha la corsa nel sangue. Ogni giorno divide i suoi sogni con Alì, che è amico del cuore, confidente e primo, appassionato allenatore. Mentre intorno la Somalia è sempre più preda dell’irrigidimento politico e religioso, Samia guarda lontano, e avverte nelle sue gambe magre e velocissime un destino di riscatto per il paese martoriato e per le donne somale. Gli allenamenti notturni nello stadio deserto e le prime affermazioni la portano a qualificarsi alle Olimpiadi di Pechino. Arriva ultima, ma diventa un simbolo per le donne musulmane in tutto il mondo. Il suo vero sogno, però, è vincere. L’appuntamento è con le Olimpiadi di Londra del 2012. Ma tutto diventa difficile. Gli integralisti prendono ancora più potere, Samia corre chiusa dentro un burqa ed è costretta a fronteggiare una perdita lacerante, mentre il “fratello di tutta una vita” le cambia l’esistenza per sempre. Rimanere lì, all’improvviso, non ha più senso. Una notte parte, a piedi. Rincorrendo la libertà e il sogno di vincere le Olimpiadi. Sola, intraprende il Viaggio di ottomila chilometri, l’odissea dei migranti dall’Etiopia al Sudan e, attraverso il Sahara, alla Libia, per arrivare via mare in Italia.

CHE PAESE L’AMERICA di Frank McCourt – Adelphi 2000 p. 446
Vista dal parapetto di un bastimento, l’America era sembrata al giovane McCourt l’immagine stessa del riscatto da quel che nelle Ceneri di Angela ci era stata raccontata come il più atroce, oltreche il piu ilare, dei mondi possibili. Qui la scena, diversa e più tumultuosa, è invece quella di New York nel secondo dopoguerra. Una New York proletaria, dove fra case di mattoni rossi, pub di emigrati irlandesi e banchine ingombre di merci, con la quinta strada lontana e irraggiungibile di Manhattan, Frankie si trova a percorrere, passo dopo passo, un faticosissimo apprendistato. lnserviente in un grande e lussuoso albergo, militare durante la guerra di Corea, scaricatore di porto e infine insegnante – in aule e fra scolaresche che ricordano piuttosto da vicino le rumorose classi di Limerick -, McCourt mantiene prodigiosamente intatto il suo timbro inconfondibile, e la capacita di trasformare qualsiasi fatto, le avances di un prete alticcio come l’arrivo di Angela dall’lrlanda, quattro chiacchiere con i vecchi lustrascarpe italiani di Staten Island come il ritorno in patria e l’incontro col padre, in una grande, irresistibile storia.

PARTIRE di Tahar Ben Jellou – Bompiani 2014 p. 270
Azel ha poco più di vent’anni e il futuro davanti: una laurea, molti sogni, la voglia di vivere e l’ambizione che si hanno a quell’età. La vita a Tangeri, tuttavia, non permette molto; povertà e corruzione fanno intravedere la felicità solo dall’altra parte dell’oceano, in Spagna. Partire è l’unica salvezza possibile. Ma anche partire è difficile, rischioso e richiede compromessi. Per AzeI partire ha il prezzo del tradimento, degli altri e di se stesso. Ha il costo di un amore in cui non crede, di una relazione omosessuale cui cede per necessità. Sembra non esserci scampo per la dignità, in questo mondo di opportunismi, prostituzione, clandestinità, sessualità tradita. Per fortuna ci sono i sogni. Ben Jelloun compone un affresco straordinario, di denuncia e poesia: il ritratto di un mondo di immigrazione e clandestinità in cui la felicità sta sempre altrove.

LA FESTA DEL RITORNO di Carmine Abate – Mondadori 2014 p. 172
Un padre e un figlio. Il primo racconta la sua vita di emigrante, sospesa tra partenze e ritorni, tra Francia e paese; il secondo ricorda il suo spaesamento e la sua rabbia nei periodi senza il padre, ma anche l’incanto dell’infanzia, immersa in un paesaggio vivido, saturo di profumi. Davanti a loro, un grande fuoco acceso sul sagrato, la notte di Natale. Entrambi hanno un segreto da nascondere, un segreto legato all.amore della figlia maggiore per un uomo misterioso… Ambientato nella mitica Hora (la trasfigurazione romanzesca della nativa Carfizzi) e narrato da due voci inconfondibili per l’abile intarsio di parole e ritmi plurilinguistici, questo romanzo mette in scena l’epos del passaggio di testimone tra due generazioni. Un padre e un figlio che trovano la capacità di parlarsi, e di far ardere i propri cuori intorno allo stesso fuoco, con commovente intensità. “La festa del ritorno” è, così, una preziosa testimonianza sulla nostra emigrazione, un romanzo di formazione e una storia.

LA NIPOTE DEL SIGNOR LINH di Philippe Claudel – Ponte alle grazie 2005 p. 116
Il signor Linh viene da un Paese lontano: il suo villaggio è stato distrutto dalla guerra e tutti i suoi cari sono stati uccisi dalle bombe. Porta con sé sua nipote, che ha solo pochi mesi. Giunto in una città francese, dove viene ospitato in un centro di accoglienza, incontra il signor Bark, vedovo e altrettanto solo. E’ l’inizio di una toccante amicizia che sarà capace di sfidare le barriere della solitudine e dell’indifferenza umane.

 

 

NEL MARE CI SONO I COCCODRILLI di Fabio Geda – Baldini e Castoldi 2017 p. 151
Se nasci in Afghanistan, nel posto sbagliato e nel momento sbagliato, può capitare che, anche se sei un bambino alto come una capra, e uno dei migliori a giocare a Buzul-bazi, qualcuno reclami la tua vita. Tuo padre è morto lavorando per un ricco signore, il carico del camion che guidava è andato perduto e tu dovresti esserne il risarcimento. Ecco perché quando bussano alla porta corri a nasconderti. Ma ora stai diventando troppo grande per la buca che tua madre ha scavato vicino alle patate. Così, un giorno, lei ti dice che dovete fare un viaggio. Ti accompagna in Pakistan, ti accarezza i capelli, ti fa promettere che diventerai un uomo per bene e ti lascia solo. Da questo tragico atto di amore hanno inizio la prematura vita adulta di Enaiatollah Akbari e l’incredibile viaggio che lo porterà in Italia passando per l’Iran, la Turchia e la Grecia. Un’odissea che lo ha messo in contatto con la miseria e la nobiltà degli uomini, e che, nonostante tutto, non è riuscita a fargli perdere l’ironia né a cancellargli dal volto il suo formidabile sorriso. Enaiatollah ha infine trovato un posto dove fermarsi e avere la sua età.

ANCORA di Hakan Gunday – Marco Y Marcos 2016 p. 416
Il nuovo romanzo di Hakan Günday entra con impeto e passione amara nel tema attuale dei migranti e del traffico d’uomini. Il viaggio di Gaza sino in fondo all’inferno incarna mali sociali da combattere; il suo ritorno alla luce riaccende la speranza. Prima parte: SFUMATO.”Ancòra”: è l’unica parola turca che sanno i migranti clandestini. Ancora acqua, ancora aria, ancora speranza. Gridano “Ancòra” chiusi nel camion, sul barcone che attraversa il Mare Egeo dalla Turchia alla Grecia. Gaza è il figlio di un trafficante di uomini e fin da piccolo impara a fare l’aguzzino in questo mondo spietato e confuso. Cresce nell’odio e l’unico affetto lo riceve da Cuma, un clandestino che lo tratta da amico e gli regala una rana di carta. Seconda parte: CANGIANTE . Cuma muore, vittima delle angherie dei trafficanti. Il male travolge Gaza come un unico blocco nero. Il camion carico di clandestini si ribalta: lui perde il padre e resta intrappolato tra i corpi per tredici giorni. Sopravvive, ma con la fobia di ogni contatto umano. Terza parte: CHIAROSCURO. In orfanotrofio si nutre di libri, e uno psichiatra se lo prende a cuore. Gaza intravede sprazzi di luce tra le ombre del mondo, ma non è ancora pronto al riscatto. La violenza è ancora il suo elemento: si unisce a razzisti e reazionari, partecipa a linciaggi. Quarta parte: UNIONE. Solo un viaggio nella patria di Cuma, tra i Buddha giganti di Ba-miyan, restituirà a Gaza la pace.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *